cromo

Nomi comuni: lievito di birra, cloruro di cromo, nicotinato di cromo, cromo picolinato

Valutazione di efficacia-sicurezza

Ò … poca o nessuna prova di efficacia.

Valutazione di sicurezza

Il cromo è un metallo lucido grigio-acciaio che è importante come additivo nella produzione di leghe di acciaio (acciaio al cromo, acciaio al cromo-nichel, acciaio inossidabile) e aumenta notevolmente la durata e la resistenza di questi metalli; quindi il suo utilizzo in impianti protesici metallici. Prodotta sinteticamente 51Cr è utilizzato come tracciante in vari disturbi ematologici e nella determinazione del volume di sangue. Come cromo viene considerato importante per il normale metabolismo del glucosio, un certo numero di prodotti over-the-counter promuovere l’uso di cromo, da solo o in combinazione con fattore di tolleranza al glucosio, per migliorare l’utilizzo dei carboidrati. L’efficacia di questi prodotti non è stata stabilita, pur rappresentando sorgenti sonore nutrizionalmente di cromo.

La forma organica di cromo presente in un complesso dinicotino-glutathionine in alimenti naturali ed è meglio assorbito rispetto alla forma inorganica. Buone fonti alimentari di cromo sono il lievito di birra, fegato, patate con la pelle, carne di manzo, verdure fresche e formaggio.

supplementazione di cromo è stato studiato per una varietà di indicazioni, in particolare la perdita di diabete e di peso, ma gli studi clinici hanno mostrato risultati inconsistenti. Il ruolo del cromo supplementare rimane controverso.

Il valore attualmente accettato per assunzione con la dieta il cromo è di 25 mcg / giorno per le donne e 35 mcg / giorno per gli uomini. dosaggi giornalieri utilizzati negli studi clinici per periodi fino a 9 mesi variano come segue: lievito di birra fino a 400 mcg / die; cloruro di cromo 50 a 600 mcg / die; cromo nicotinato 200 a 800 mcg / die; cromo picolinato 60 a 1.000 mcg / die. Il potenziale di effetti genotossici esiste a dosaggi superiori.

Nessuno ben documentato. L’insufficienza renale può essere considerato un parente controindicazione.

Le informazioni riguardanti la sicurezza e l’efficacia in gravidanza e l’allattamento è carente. sperimentazione animale limitata ha mostrato difetti scheletrici e neurologici nella prole dei topi nutriti con cromo picolinato.

Nessuno ben documentato.

L’ingestione o l’esposizione a certe forme di cromo possono causare o contribuire a irritazione gastrointestinale e ulcere, dermatiti, emorragia, shock circolatorio, e il danno tubulo renale.

Nessun rischio di genotossicità a bassi dosaggi nel breve termine, esiste per il cromo come integratore alimentare. Tuttavia, a dosaggi superiori, come quelli utilizzati negli studi che valutano l’efficacia di cromo nel controllo glicemico, esiste la preoccupazione per i potenziali effetti genotossici.

Riferimenti